stampa immagine ingrandita back

Triceratops prorsus Marsh 1889

Etimologia:

Genere: Triceratops (dal Greco, muso con tre corni)
Specie: Triceratops prorsus (dal Latino, dritto. Riferito al corno nasale che punta in avanti invece che verso l’alto come avviene nella specie Triceratops horridus).

Sistematica:

Dinosauro ornitischio marginocefalo appartenente al gruppo dei ceratopsidi. Questi dinosauri erano tutti dotati di un becco simile a quello dei pappagalli, di un collare osseo che si proiettava dalla parte posteriore della testa verso il collo e le spalle e di un numero variabile di corni.

Periodo:

periodo

Il triceratopo visse tra 72 e 65 milioni di anni fa, verso la fine dell’Era Mesozoica. Si estinse durante la grande estinzione in massa in cui assieme ad altre varietà di organismi viventi scomparvero tutti i dinosauri ad eccezione degli uccelli.

Principale distribuzione dei fossili:

distribuzione

USA occidentali (Wyoming, Colorado, Montana, North Dakota, South Dakota) e Canada occidentale (Alberta, Saskatchewan).

Dimensioni:

dimensioni

Il triceratopo fu il più grande rappresentante dei ceratopsidi. Lungo mediamente tra 6 e 7,5 m, alto da 2,2 a 2,8, si stima pesasse dalle 4 alle 7 tonnellate.
Il cranio era lungo circa 2 m e le corna sopraorbitali potevano raggiungere il metro.

Caratteristiche:

Il triceratopo aveva zampe massicce, tronco compatto e coda corta. Oggi si ritiene che corna e collari servissero principalmente come segnali utili per il riconoscimento, ovvero per distinguere gli appartenenti alla propria o ad un’altra specie e anche per distinguersi tra membri della stessa specie. Un triceratopo se necessario poteva usare le sue corna come armi difensive contro gli attacchi dei tirannosauri, caricando a bassa velocità con rapidi cambiamenti di direzione e scatti della testa.

Alimentazione:

Il triceratopo si nutriva brucando al suolo le vaste praterie di felci e consumando le abbondanti Angiosperme (piante a fiori), che venivano tranciate dal possente becco e tagliuzzate in minuscoli brandelli dalle batterie di denti affilati. L’efficienza dei denti era sempre massima, poiché non appena un dente veniva usurato, esso cadeva e ve ne era già sotto un altro nuovo pronto a sostituirlo!

Curiosità:

Il primo fossile di Triceratops venne scoperto nel 1887: si trattava di un paio di corna, ma poiché a quel tempo non si conoscevano ancora dinosauri dotati di corna quel reperto venne interpretato erroneamente come appartenente a una specie di bisonte!